Guida su come stimolare il clitoride

Diodelsesso.net, una guida perfetta che indica come stimolare il clitoride

 

Il sesso è uno dei piaceri della vita, attraverso il quale sia l’uomo che la donna abbandonano ogni tensione e lo stress accumulato giorno per giorno per viversi un momento di sfogo fisico e mentale. Per poter ottenere tale beneficio però occorre che entrambi i partner arrivino al giusto grado di soddisfazione.

Solitamente l’appagamento sessuale viene raggiunto attraverso l’orgasmo che coincide nel momento in cui viene raggiunto l’amplesso.

Ciò risulta più facile da raggiungere per l’uomo rispetto alla donna.

Quest’ultima infatti è capace di provare diversi tipi di orgasmi ma non tutti gli uomini sono in grado di dare questo piacere alla partner.

Anzi a dire il vero spesso succede che dopo l’atto sessuale la donna rimanga ancora insoddisfatta.

Per dare un orgasmo alla donna non basta solo penetrarla, ma bisogna sapere i punti esatti dove andare a stimolare e la penetrazione è solo uno dei modi con cui praticare la stimolazione.

Essa infatti può avvenire anche con le mani, con la lingua e con la bocca.

Oltre al modo però bisogna anche sapere quali sono i punti precisi dove agire, uno di questi è il clitoride.

 

Alcuni suggerimenti per trovare e stimolare il clitoride

 

Innanzitutto per cominciare la stimolazione del clitoride occorre trovarlo.

Per alcuni uomini ciò è difficile perché si tratta di una piccola protuberanza localizzata sulla parte esterna della vagina e nascosta dal cappuccio clitorideo.

Quindi deve essere necessariamente scoperto e successivamente stimolato.

Quando si fa sesso questo è un passaggio fondamentale perché in questo momento la donna aumenta la sua eccitazione.

Tale eccitazione si legge dal suo corpo, nel gonfiore delle grandi labbra e del clitoride stesso che funziona esattamente come il glande del pene maschile.

Prima di procedere con la penetrazione è consigliato donare alla donna un primo orgasmo clitorideo in modo che diventando poi più sensibile andrà a godere maggiormente nel momento in cui viene penetrata dall’uomo.

Quando si cominciano a praticare i preliminari è importante non essere diretti ma aumentare il desiderio andando a coinvolgere anima e corpo e stimolare tutto il contorno e poi agire sul clitoride.

Non bisogna partire in quarta ma muoversi con delicatezza per non rischiare di far sentire dolore alla donna.

 

Quali sono le tecniche e le posizioni ideali per stimolare il clitoride

 

Per stimolare al meglio il clitoride a volte possono non bastare le mani, la lingua e la bocca; ma possono servire anche altri oggetti del piace come vibratori ed altri sex toys.

Ce ne sono di vari tipi ed ognuno di esso provoca una sua sensazione che può essere preferita o meno dalla donna in questione.

Si può anche praticare una stimolazione indiretta mediante le grandi labbra.

In alternativa si può dare piacere alla donna anche utilizzando gli attrezzi da cucina come il pennello oppure l’aspiratuorlo.

Infine ci sono determinate posizioni in cui si crea maggiore attrito con il clitoride come quella del gatto, la pecorina, entrambi inginocchiati o quando lei cavalca sulla coscia.

 

Fonte: www.diodelsesso.net

Lascia un commento