Allungare il pene con le cellule staminali: come e quanto costerà

Presto si potrà allungare il pene anche tramite le cellule staminali: sarà possibile un allungamento massimo di 7,5 centimetri. Si tratta di una nuova procedura, già utilizzata per aumentare il seno e che si affianca alle altre attualmente praticamente per raggiungere l’allungamento del pene, come si può leggere su http://vivodisesso.info. Ad affermare che si possa raggiungere un allungamento fino a 7,5 centimetri grazie alle cellule staminali è la società StemProtect, che ne giorni scorsi è finita sulle prime pagine di tutti i quotidiani nazionali italiani e che definisce la scoperta come la “nuova era della chirurgia estetica”, per via dei risultati che dovrebbe garantire.

Ma come funziona questa nuova procedura? Nello specifico, prevede l’estrazione di cellule staminali provenienti dalla stomaco di un nuovo, che poi vengono trattate in laboratorio prima di essere iniettate all’interno del membro. Più cellule staminali vengono iniettate, maggiore potrà essere l’allungamento, ma questo aumento di virilità ha un costo anche importante, ossia di almeno 5.000 dollari. Le cellule staminali, infatti, sono presenti nel grasso corporeo, ma la nuova tecnica non utilizza riempitivi siliconici o artificiali, con conseguente abbassamento del rischio di complicanze, che invece si possono avere con altre metodologie di interventi.

Nuove tecniche da sperimentare meglio

Allo stesso modo con cui le donne aumentano le proprie taglie di seno, dunque, gli uomini possono veder aumentare la lunghezza del loro pene, grazie all’ausilio delle cellule staminali, anche se diversi chirurghi estetici non sono propriamente favorevoli a queste nuove frontiere degli interventi. Alcuni esperti, infatti, sottolineano come ci vogliano ancora nuovi studi e sperimentazioni prima di poter garantire che il loro impiego sia sicuro al 100%. Insomma, per sentirsi maggiormente a proprio agio con il corpo, le cellule staminali possono rappresentare un importante aiuto, ma si tratta di un ambito che deve ancora essere perfezionato in modo tale che complicazioni ed effetti collaterali siano ridotti al minimo.

Italia ai primi posti al mondo per interventi di chirurgia estetica

Comunque sia, che si tratti di ingrandimento del seno o di allungamento del pene, a quanto pare gli italiani sono particolarmente sensibili a questi temi e ci tengono sempre di più a sentirsi bene all’interno del proprio corpo. In attesa di conoscere infatti i dati relativi al 2017, secondo le ultime statistiche elaborate alla fine dell’anno scorso da ISAPS, la società internazionale di chirurgia plastica estetica, l’Italia è ormai stabilmente tra le prime 10 nazioni al mondo per numero di interventi plastici effettuati ogni anno. In questa speciale graduatoria, dominano manco a dirlo gli Stati Uniti, seguiti da Brasile, Messico, Corea del Sud, India, Colombia, Germania, Francia e appunto l’Italia.

E non è tutto, perché sempre secondo gli ultimi dati elaborati da ISAPS, l’Italia si trova ai primi posti al mondo anche per procedure estetiche non chirurgiche. Il Bel Paese è 7° preceduto rispettivamente da Stati Uniti, India, Brasile, Messico, Corea del Sud, Colombia. Insomma, gli italiani ce l’hanno un po’ su con madre natura negli ultimi tempi.

Cerchi AVVENTURE EROTICHE nella tua città?

Iscriviti Gratis

Ti garantiamo 100% di anonimato, profili reali e verificati!

Lascia un commento